Il nervo alveolare inferiore trasmette la sensibilità dei denti dell’arcata inferiore, del labbro inferiore e della cute del mento. La sua lesione comporta l’anestesia di queste strutture, tipicamente sperimentata dai pazienti in modo temporaneo a seguito dell’iniezione dell’anestetico locale praticata dal dentista in studio odontoiatrico. L’anestesia del labbro inferiore insorta a seguito di un trattamento odontoiatrico è generalmente mal tollerata.
Le cause più frequenti di lesione del nervo sono gli interventi di estrazione del dente del giudizio e di posizionamento di impianti dentari, le iniezione per eseguire un’anestesia tronculare, ed il contatto con materiale endodontico conseguente alla devitalizzazione di un elemento dentario.
Generalmente il nervo è in grado di “autoripararsi” in quanto le sue fibre ricrescono all’interno del canale osseo che lo contiene. In questo caso non è necessario intervenire chirurgicamente e la ripresa funzionale avviene nel giro di 6-12 mesi, generalmente in modo incompleto.
E’ indicato un intervento di microchirurgia ricostruttiva nel caso in cui si manifestino dolori, disestesie (alterazioni della sensibilità) molto fastidiose, oppure non si verifichi una consistente ripresa spontanea della sensibilità entro 6 mesi.
In questi casi si esegue un intervento di microchirurgia ricostruttiva consistente nell’individuare il nervo tramite la rimozione di una finestrella ossea nella mandibola per ripararlo al microscopio operatorio. A volte è necessario sostituire la parte di nervo leso con una porzione di nervo sostitutivo.
L’intervento può essere efficace a molta distanza di tempo dall’evento lesivo, tenendo però conto che le percentuali di successo diminuiscono dopo circa 24 mesi.
L’esame strumentale che documenta l’avvenuta lesione ed il grado di ripresa del nervo è il test di sensibilità trigeminale. Il neurologo somministra un leggero segnale elettrico alla regione anestetizzata e registra la decontrazione riflessa del muscolo masseterino. Il lato leso non avrà risposta contrattile muscolare o sarà registrabile solo per stimoli molto superiori rispetto a quelli del lato sano.

Clicca qui per approfondire

CLASSIFICAZIONE DELLE LESIONI NERVOSE

INTERVENTO PER ANESTESIA DEL LABBRO INFERIORE, il nervo mentale leso viene sezionato a livello del foro mentale e ruotato dal lato opposto dove viene collegato al microscopio ad un ramo minore del nervo mentale del lato sano. Dopo circa 2-4 mesi inizia la ripresa sensitiva del labbro
(Tecnica chirurgica ideata dal Dr. Paolo Gennaro).

Decorso del nervo alveolare inferiore tra le radici del dente del giudizio

Il nervo conservato al termine dell’asportazione del dente del giudizio:
ATTENZIONE! CLICCANDO QUI SI VISUALIZZERÀ L’IMMAGINE DI UN INTERVENTO CHIRURGICO

La lesione del nervo linguale o alveolare inferiore può essere dovuta all’esecuzione di un’ anestesia tronculare. E’ evidente come l’ago possa incrociare il decorso dei nervi.

La lesione del nervo linguale o alveolare inferiore può essere dovuta all’esecuzione di un’ anestesia tronculare. E’ evidente come l’ago possa incrociare il decorso dei nervi. La freccia indica la direzione dell’ago durante l'esecuzione dell'anestesia tronculare.

CASO CLINICO

Lesione del nervo alveolare inferiore da materiale otturatorio tracimato nel canale mandibolare

ATTENZIONE! CLICCANDO QUI SI VISUALIZZERÀ L’IMMAGINE DI UN INTERVENTO CHIRURGICO

Terminato l’intervento, si può osservare all’immagine panoramica della bocca la rimozione del materiale otturatorio e i margini dello sportello osteotomico utilizzato per l’accesso

Caso clinico

Lesione del nervo alveolare inferiore durante estrazione di un dente del giudizio: si noti il velo osseo (freccia rossa) che separa l’alveolo (cavità) dove alloggiava il dente prima dell’estrazione. Pochi millimetri più dietro si evidenzia (frecce blu) la distruzione del setto che ha procurato la lesione nervosa.

Lesione del nervo alveolare inferiore durante estrazione di un dente del giudizio: si noti il velo osseo (freccia rossa) che separa l’alveolo (cavità) dove alloggiava il dente prima dell’estrazione. Pochi millimetri più dietro si evidenzia (frecce blu) la distruzione del setto che ha procurato la lesione nervosa.

ATTENZIONE! CLICCANDO QUI SI VISUALIZZERÀ L’IMMAGINE DI UN INTERVENTO CHIRURGICO

La panoramica della bocca eseguita il giorno successivo all’intervento chirurgico

La panoramica della bocca eseguita il giorno successivo all’intervento chirurgico